Al via la quinta nonConferenza Nazionale di Coworking e Lavoro

Ecco a voi Espresso Coworking Montepulciano #EC16

Lo sanno tutti, e forse lo avrete sentito ripetere mille volte da noi di Cowo|360: Il termine coworking fu inventato nel 1999 da Bernie DeKoven, ma è solo nel 2005 che Brad Neuberg associa tale modalità al primo spazio fisico “Hat Factory” di San Francisco. L’idea di collaborazione, condivisione e cooperazione si è lentamente consolidata nel tempo, ma l’idea stessa di coworking è in continuo cambiamento, e i coworkers che decidono di abbracciare la sua filosofia stanno sicuramente cercando di soddisfare un loro bisogno.

Quali sono questi bisogni?
“Rispondere a queste domande, o perlomeno sollecitare una discussione all’interno della community italiana del coworking e di chi a vario titolo si occupa di economia collaborativa, è il primo passo per parlare seriamente, oggi nel 2016, di coworking. Non solo. E’ uno step indispensabile per (tornare a) rispondere in maniera perspicua proprio a quei grandi temi, il ruolo del coworking all’interno di un ecosistema territoriale, la dialettica con la Pubblica Amministrazione, di cui abbiamo discusso in questi anni, da una prospettiva diversa e, si spera, ancora più ricca e feconda.”

ec16_social_0

Espresso Coworking si riconferma un momento importante per i coworking, di confronto e analisi dell’impatto del nostro modello lavorativo sulla nostra società, valutando successi e insuccessi, pro e contro, cambiamenti e innovazioni.
La novità di questa edizione risiede nella natura dell’evento: Espresso Coworking sarà uno strumento open source di facilitazione, a disposizione di chi vorrà organizzare workshop, seminari e incontri sul tema del lavoro condiviso, mantenendo comunque il contatto diretto con le più interessanti realtà italiane ed europee che si occupano di economia collaborativa e innovazione.

L’evento è organizzato da Wisionaria, Lab 121, Mod-o, Warehouse Coworking Factory e Multiverso, con l’adesione dei coworking italiani; si può partecipare gratuitamente, previa registrazione, o seguire l’evento on line e attraverso i social.

 

 

Lascia un commento