Dalle origini del batterio informatico al primo antivirus gratis

33 anni dalla nascita del primo #Virus – Antivirus gratis

Nascosti subdolamente tra i meandri della rete i virus possono assumere forme sempre diverse ed essere in grado di rubare ogni nostro dato sensibile. L’impossibilità di prevenire i virus con qualsiasi algoritmo fu la tesi postulata nello studio Experiments with computer viruses di Fred Cohen a seguito di una dimostrazione informatica presso la University of Southern California.

#AccaddeOggi

Era l’11 novembre del 1983 e bastò un semplice floppy disk per mandare in tilt un computer ed infettarne ogni suo angolo. Se le origini del Virus informatico superano oramai i 33 anni, altrettanto vecchio è l’antidoto.
Gli antivirus, con lo sviluppo di internet e della tecnologia digitale, si sono sviluppati con pari rapidità e rappresentano ancora oggi uno strumento eccezionale di guadagno per ogni società informatica.
Antivirus Gratis vengono oramai prodotti da numerose compagnie anche se il miglior antivirus rimane sempre l’utente.
Dal semplice e obsoleto floppy in grado di distruggere un solo computer si è passati oggi ad assalti informatici su scala nazionale in grado di mandare in tilt un intero Paese. È quello che lo scorso 21 ottobre è accaduto negli USA rendendo per diverse ore inaccessibili Twitter, Reddit, Netflix, Spotify e siti di informazione come quelli del The Guardian e del New York Times.
L’attacco, rivendicato dal gruppo New World Hackers e Anonymous, non si è rivolto direttamente ai siti, ma ai sistemi della Dyn, importante azienda che ha il compito di smistare e indirizzare il traffico utilizzando il sistema dei DNS (Domain Name System) come i DNS Google.
Il governo degli Stati Uniti ha confermato di essere al lavoro per identificare i colpevoli ma ciò che appare evidente è che virus ed hacker sono oggi in grado di mettere in crisi uno stato intero arrivando addirittura a minarne le comunicazioni interne.

Altro che FLOPPY e ANTIVIRUS GRATIS…

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>