Brain – storming: la tempesta che crea una idea

Questo pomeriggio al Cowo|360 abbiamo fatto un brain-storming. Ci siamo seduti e, ricevuto lo stimolo, abbiamo messo in moto i cervelli. Anzi, i cervelli sono partiti in automatico, come se fosse stato premuto un interruttore.
E’ sempre sorprendente constatare come, da una battuta, da un’espressione o da un’associazione di pensiero, prendano vita idee, visioni e giochi di parole; il processo creativo è accelerato, più divertente e sicuramente più produttivo.

Il metodo del brainstorming si è diffuso a partire dagli anni ’50 del secolo scorso, grazie al libro Applied Imagination del dirigente pubblicitario Alex Faickney Osborn: il suo utilizzo ha fatto il giro del mondo, diventando una costante anche in ambiti diversi da quello della pubblicità.

Ecco la definizione che ci da il nostro vocabolario italiano:

brain storming ‹brèin stòomi› locuz. ingl. [deverbale di (tobrain storm (che indica l’azione di riunire gli esperti ecc.), a sua volta dalla locuz. nominale brain storm «idea brillante», propr. «tempesta» (storm) «di cervelli» o «nel cervello» (brain)], usata in ital. come s. m. – Tipo di lavoro di gruppo nel quale più esperti riuniti insieme esprimono liberamente le loro idee, anche astruse o paradossali, circa un determinato problema, al fine di rendere possibile, con la loro combinazione, di trovare una soluzione originale e brillante del problema stesso (è una tecnica particolarm. efficace per trovare, ad es., uno slogan pubblicitario, per ideare modi del lancio di un prodotto, ecc.).

La condivisione delle idee, la creazione e la discussione delle proposte, la ricerca della soluzione: queste sono le caratteristiche del processo di del brain-storming, la tecnica tuttora più utilizzata come modalità di lavoro di gruppo. Lo scambio, il confronto e la collaborazione creano risultati e soluzioni davvero utili, da rielaborare e utilizzare.
Tutto ciò ci fa pensare al coworking, ovviamente, dove la tempesta di cervelli imperversa quotidianamente tra i professionisti che animano gli spazi di lavoro condivisi!

 

 

 

 

 

Lascia un commento