Il potere delle community e degli eventi online

Tagged with:

Non c’è freelance che, al giorno d’oggi, non ha un contatto di social network o che non utilizza la rete per farsi conoscere e conoscere altri professionisti o potenziali clienti. Tale visione non riguarda solo i liberi professionisti, ovviamente, ma chiunque voglia utilizzare il web per attivare o potenziare relazioni anche commerciali.

Tra gli obiettivi di un “perfetto” freelance, artigiano, associazione, start up 3.0, quindi, non ci si può dimenticare di creare una community online, attiva e partecipativa, e predisporre l’organizzazione di eventi online in occasione della presentazione di un proprio servizio o prodotto, o di un momento di incontro o formazione.

La community sui social network e la vetrina web dell’evento, tra l’altro, si alimentano a vicenda diventando un tutt’uno. Il supporto dei canali social come Linkedin, Facebook, Twitter, Pinterest e Google+, per fare degli esempi, è fondamentale per veicolare i contenuti pre-durante e post evento …ma da soli non bastano.

Facciamo un esempio. Oltre ad aggiornare e tenere “vive” le bacheche di Facebook e Twitter con immagini accattivanti, link a contenuti di informazione (magari sulla propria pagina web) e post che invitano a partecipare ad un dibattito su una determinata tematica, è importante non sottovalutare il potere delle community nei gruppi di discussione, quali Linkedin e Google+.

Tra i fattori da considerare per passare dal virtuale al “fisico”, in più, la creazione di eventi si posiziona in prima linea. Tutto nasce comunque sul web, ma con l’obiettivo di rendere concreta la collaborazione con altri professionisti o incontrare clienti nel “mondo reale”.

Vi proponiamo, quindi, un percorso a 5 step tratto da una infografica molto esauriente che si può visualizzare integralmente a questo link.

  1. Creare uno spazio apposito o, meglio ancora, una pagina web.

Oltre alla possibilità fornita dai social network (come Facebook e gli eventi facili da creare in due click), è ideale creare uno spazio apposito (spesso anche gratis) che contenga determinate informazioni quali: il logo aziendale o del professionista, le informazioni sull’evento e materiale media, nonchè uno spazio per registrarsi o aderire all’evento. Il valore della pagina sta anche nel mantenere vivo l’interesse anche dopo l’evento! Quindi meglio non “trascurarla”, proseguendo la sua gestione con immagini e contenuti video dell’evento stesso.

  1. Creare un “Digital Media Kit”

Informare il potenziale partecipante all’evento rappresenta il valore aggiunto fondamentale per distinguersi nel marasma di eventi che ci passano sotto gli occhi ogni giorno! Creare documenti snelli ed efficaci che descrivono l’evento è utile anche ai fini della comunicazione dei valori della propria attività, nonchè per fornire materiale utile a giornalisti o blogger.

  1. Essere presenti su blog o altre “vetrine” web

Una volta organizzate tutte le informazioni da divulgare, è utile individuare i blog su cui farsi pubblicare articoli sull’evento e con cui attivare una rete di relazioni. Tra i portali che li accorpano, segnaliamo Technorati. La scelta del blog con cui avviare un “dialogo” deve essere effettuata per affinità o trasversalità di tematiche, in modo da interessare i blogger stessi ed i loro lettori, senza dimenticare la loro portata geografica.

  1. … lo step più impegnativo ma fondamentale è quello della scelta del proprio target

Innanzitutto bisogna capire quale portata territoriale ha l’evento, distinguendo tra un target “locale” ed uno “nazionale”. Bisogna individuare anche gli interessi ed il settore di riferimento (comunicazione, digital, sostenibilità ambientale, share economy, ecc), aspetti importanti non solo nella scelta dei blog su cui si vuole essere presenti ma anche per parlare al cliente “giusto”. Disperdere l’informazione non farebbe ottenere alcun risultato in termini di partecipazione o business.

  1. Infine, essere presenti sui social network!

Non basta essere riusciti a pubblicare un articolo che parla dell’evento anche su altri Blog: non dimenticare il potere dei social network nella creazione delle community!

Ed ora…non vi resta che creare il vostro evento e promuoverlo online!

Lascia un commento