Intel 4004: l’inizio di una rivoluzione

Tagged with:

Oramai si sa, la tecnologia fa passi da gigante e ogni anno assistiamo alla nascita di nuovi strumenti in grado di cambiare e rivoluzionarci la vita. Non tutti conoscono però la storia del primo computer e del primo processore: Intel 4004.

Il primo Computer

Costruito nel 1946 per l’esercito americano, il primo computer elettronico pesava circa 30 tonnellate, occupava uno stanzone di 9×30 metri ed era costituito da 18000 valvole e 1500 relais.
Il suo problema principale era una dissipazione termica di 200 kilowatt/ora che causava la rottura delle valvole al ritmo di una ogni 2 minuti
Il suo nome era Eniac e sarebbe dovuto servire come calcolatore automatico per l’artiglieria e come tracciatore di rotte balistiche.
Bisognerà attendere fino al 1971 per la nascita del primo microprocessore in grado di rivoluzionare la vita di ogni uomo nel giro di qualche decennio.

La nascita di Intel 4004

Mentre nel mondo imperversa la guerra in Vietnam e viene inviata la prima sonda in direzione di Marte, il 15 novembre Intel produce un piccolo processore sul quale chip sono incisi ben 2250 transistor in grado di fornirgli una potenza di calcolo uguale all’Eniac.

Il suo nome è Intel 4004, il padre del moderno Pc.

A lavorare su questo progetto c’era l’italiano Federico Faggin che insieme a scienziati e membri del suo team fu in grado di capire come il silicio potesse cambiare radicalmente la tecnologia per gli anni a venire.

Oggi Intel ha svelato qualche dettaglio sui futuri processi di fabbricazione e l’innovazione non sembra certo fermarsi qui. Si pensa ai 10nm e ai 7nm, misure che prevedono l’abbandono del silicio per passare a nuovi materiali.

Lo sviluppo tecnologico non si fermerà e “Il numero assoluto di innovazioni dei prossimi 40 anni equivarrà o supererà tutte le innovazioni conseguite negli ultimi diecimila anni della storia dell’uomo“, ha dichiarato Justin Rattner, Chief Technology Officer di Intel.

Vuoi conoscere le origini del Virus Informatico oppure la storia di ARPANET, l’antenato di Internet?
Continua a seguirci sul nostro Blog!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>